Pagine

venerdì 15 giugno 2012

Danubio semi-integrale con marmellata rossa

Un cubetto già aperto di lievito fresco in frigor...
Un box ricchissimo di fantastiche farine dalla Molino Chiavazza (che ringrazio sinceramente per l'omaggio) ...
Una stanchezza che mi segue da un pò di giorni e la voglia di impastare, concentrarmi sui movimenti semplici, gli ingredienti che si legano e cambiano consistenza sotto il palmo e le dita della mano, la mente che per magia si distende e quasi non pensa a nulla...
Ma voi "pensate" veramente a qualcosa mentre impastate? No perchè, quando capita a me, vuol dire che non mi sto lasciando andare e che poi l'impasto non è buono come doveva...
La voglia di dolcezza, ma una dolcezza leggera, poco impegnativa...
Il senso di solitudine delle mattine a casa sola e il bisogno di una compagnia che sia una presenza discreta, che si sappia armonizzare con il mio umore...
Tutto questo mi ha portato ad un lievitato dolce a dosi industriali (in genere dimezzo, perchè in casa siamo in due con il peloso a cui gli zuccheri fanno male, più che a noi intendo).
Era da un bel pò che volevo provare il Danubio, non tanto per l'impasto pieno di uova e burro, che infatti ho alleggerito un pochino ... ma per il fatto di fare le palline ripiene di una cosa elementare come la marmellata, adagiarle sulla teglia e vedere che si gonfiano e si fanno più vicine.
Mi sembrava divertente e infatti lo è stato!
E passo a darvi gli ingredienti e a dirvi più precisamente "come è stato".


Ingredienti:
125 g. di farina integrale 00 Molino Chiavazza
275 g. di farina bianca 00 Molino Chiavazza
200 g. di farina manitoba Molino Chiavazza
70 g. di zucchero semolato - 2 uova grandi
75 g. di burro - 240 ml di latte intero
un cubetto di leivito di birra (25 g.)
pizzico di sale e scorza di limone
marmellata di fragole o ciliegie qb
Per due dolci in teglie di 24 cm di diametro

Mettiamoci all'opera:
Mescolare le varie farine. A parte scaldare lievemente il latte e scioglierci il lievito di birra insieme a tutto lo zucchero, lasciare riposare  a temperatura ambiente per una ventina di minuti. Passato questo tempo versare nella farina e iniziare ad impastare.
Aggiungere il resto degli ingredienti: burro fuso, scorza, pizzico di sale e le uova, sbattere in una ciotola il primo uovo ed aggiungere, sbattere anche il secondo e aggiungerne poco più di metà, lasciandone da parte per spennellare alla fine.
Impastare questa volta più a lungo con movimenti che stirano la pasta, ripiegano e strirano, fino ad ottenere una palla di impasto omogeneo, coprire e far riposare nel forno spento (così non ci sono correnti d'aria). Circa 40 minuti.
Pasato questo tempo stendere la pasta all'altezza di 1 cm, tagliare dei cerchi del diametro di 10-12 cm, ripore un cucchiaino di marmellata scarso al centro, e poi richiudere sovrapponendo la pasta in modo che la marmellata non possa fuoriuscire.
Posizionare le palline in modo che si sfiorino appena nelle teglie riparate da carta forno. Coprire con un canovaccio a lasciar lievitare per almeno un'oretta.
Spennellare con un velo d'uovo.
Infornare a 180° per una ventina di minuti, la cottura deve essere il più breve possibile se si vuole ottenere un dolce il più morbido possibile, un trucco è anche creare dell'umidità riponendo una piccola teglia con un dito d'acqua in forno durante la cottura.


7 commenti:

  1. Che bontà carissima Claudia

    RispondiElimina
  2. mai fatti semi integrale!!
    bellissima idea!

    RispondiElimina
  3. Cara Claudia, il tuo post e il mio parlano della stessa cosa. Tra me e l'impasto si crea una strana alchimia...è come se l'impasto fossi io..Mi piace tanto l'idea di questo dolce..da provare, perchè sono certa che sarebbe una coccola perfetta per la mia colazione alle prime luci dell'alba !
    Buona giornata !

    RispondiElimina
  4. I lievitati dolci sono i miei preferiti!Il Danubio non lo conoscevo, ma lo proverò sicuramente, ho appena comprato una gigantesca confezione di marmellata!

    RispondiElimina
  5. Provo lo stesso piacere quando impasto ed è vero che un dolce che lievita e cuoce in forno disperdendo il suo profumo ci fa un po' compagnia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. che splendida colazione si puo fare con queste palline ripiene!!! anche io è tanto che voglio fare questo danubio, i lievitati mi piacciono moltissimo e danno una gra soddisfazione!!! ciao buon weekend

    RispondiElimina

Mi fa molto piacere sapere che sei passato da me, ancora di più sarei felice di sapere il nome e le opinioni di chi mi legge, di poter dare un consiglio o riceverne di nuovi!