Pagine

martedì 8 gennaio 2013

Arrotolato di tacchino con castagne e noci

Vi avevo anticipato che in questo finsettimana appena trascorso mi sarei data all'arrosto e alle lasagne. Per quanto riguarda il secondo piatto mi sono cimentata con l'arrotolato, prima volta che provo a farlo, ovviamente non ho nemmeno tentato di aprire da sola il petto di tacchino ma me lo sono fatta tagliare a battere dal macellaio. Comodo. Così facendo diventa una ricetta velocissima: una volta a casa aprite il vostro pacchetto, potete riempire la carne con cose già pronte come prosciutto e formaggio, una frittatina preparata in precedenza, un wurstel e così via, lo legate insieme ad un bel rametto di rosmarino e qualche altro aroma (anche una spolverata di mix già pronto per arrosti) poi lo mettete per un'oretta circa in forno (si, in effetti c'è questa oretta di cottura che allunga un pò i tempi).
Adesso vi dico però com'era il mio rotolo di domenica. Era da un pò che volevo provare il ripieno con la frutta secca: castagne, noci, uvette e macinata di maiale. Adoro il ripieno con le catstagne e in genere si mettono le prugne, che però il mio palato reputa un pò troppo dolciastre. Pensavo di aver messo insieme un ripieno molto saporito, forse troppo, invece è risultato delicato, ed è piaciuto molto a tutti.


Ingredienti:
1 petto di tacchino aperto a libro (peso circa 1 kg)
400 g. di macinata di suino
200 g. di castagne già cotte
1 manciata di uva passa
8 noci
1 fetta di pane bianco (quello per tramezzini, o pancarrè)
30 ml di latte
60 g. di grana padano grattuggiato
1 spicchio d'aglio tritato
sale, pepe, noce moscata qb
2 rametti di rosmarino
salvia secca tritata
olio evo e qualche fiocchetto di burro
2 dita di brandy
2 scalogni
spago per legare

Impastare la macinata con il pane spezzettato e ammollato nel latte per una decina di minuti. Aggiungere il resto degli ingredienti: l'aglio tritato, le noci spezzettate grossolanamente, le castagne tagliate a metà, l'uva passa (io non l'ho ammollata), il grana, 3 pizzichi di sale, pepe e noce moscata abbondanti. Terminare di impastare il tutto.
Aprire la fetta di tacchino, salare leggermente e versare al centro il ripieno. Chiudere arrotolando la carne intorno al ripieno un pò come fosse uno strudel. Potere arrotolare partendo dal lato che volete, regolatevi in base alla teglia o pirofila in cui lo cuocerete. Io avevo a disposizione una teglia molto capiente che uso per fare la pizza alta formato famiglia e così ho arrotolato la carne dal lato più lungo.
Massaggiare la carne con sale, pepe e salvia tritata in modo che aderiscano bene.
Non essendo esperta di legatura ho proceduto con tante legature separate. Una che legasse l'arrosto nel lato lungo e poi tante piccole legature lungo il rotolo distanziate di 3 cm circa che servissero nel contempo a fermare i rametti di rosmarino.
Ungere la teglia (che poi andrà in forno) con qualche cucchiaio d'olio e qualche fiocchetto di burro, portare sul fornello, aggiungere gli scalogni tagliati a metà. Rosolare la carne su tutti i lati, sfumare con il brandy e togliere subito dal fuoco (prima che evapori compleatmente) aggiungere qualche fiocchetto di burro sul rotolo prima di coprire con carta stagnola e passare in forno a 200° per un ora (io per la precisione 80 minuti).

22 commenti:

  1. Non ho mai provato a fare un arrotolato e il tuo è favoloso!!!!:) ho mangiato a Natale da mia zia il cappone cin un ripieno simile e mi è piaciuto tantissimo!!!!!!!!!! Un bacione Claudia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è facile da fare, a patto che il tacchino lo tagli il macellaio!

      Elimina
  2. Stupendooooooo, mai mangiato, ma mi hai fatto venire un'acquolinaaaaaa!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Che bell'arrosto farcito, complimenti.

    RispondiElimina
  4. Questa ricetta é fantastica.
    Devo prendere appunti. Le castagne.. hummm che delizia.
    Bello da presentare agli amici...
    Un abbraccio.
    thais

    RispondiElimina
  5. Ha un aspetto delizioso, complimenti!!! Del resto con un tale ripieno non può essere diversamente.
    Colgo l'occasione per informarti che non sono più su cocomerorosso e ti invito a visitare il mio nuovo blog pastaenonsolo.blogspot.it. Mi piacerebbe se ti unissi ai miei lettori. Ci conto!!!! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. La foto parla da sola.. è un ripieno insolito.. però mi attira.. baci :-)

    RispondiElimina
  7. Non ho mai fatto un arrotolato però non sembra difficile e si può preparare anche anticipatamente . Il tuo ripieno e' bello ricco deve essere stato davvero buono:)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è semplice, mia mamma lo fa sempre in anticipo e poi lo si può scaldare nella sia teglia già tagliato a fette!

      Elimina
  8. Bell'abbinamento..mai assaggiato nulla di simile..bravissima tesoro !

    RispondiElimina
  9. Ma che bella farcitura ricca!!! complimenti adatto anche ai bimbi.... Ottima devo provarla
    ciao Claudia
    www.cucinaperamore.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Claudia!
    Ti è venuto meraviglioso!!!
    Mi piace molto la carne di tacchino ripiena!
    Brava!

    RispondiElimina
  11. mi sembra un arrotolato perfetto!straordinaria!sicuramente da provare.bacio

    RispondiElimina
  12. Mammamia, che buono! Mette fame solo a guardarlo! :D Bravissima, un abbraccio forte e buona giornata :) :*

    RispondiElimina
  13. Le castagne non le ho mai messe dentro all'arrosto..dev'essere davvero buono!!!
    Ciao!!! Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le castagne nel ripieno sono buonissime!

      Elimina
  14. Ciao, ti ho scoperta grazie a topblogs e mi sono unita ai tuoi lettori fissi. Se ti fa piacere, passa a trovarmi anche tu qualche volta. A presto!

    RispondiElimina
  15. Mi piacciono molto le castagne e quest'idea di utilizzarle per il ripieno mi sembra stupenda. Copierò, copierò. A presto!

    RispondiElimina
  16. mamma e che bontà *_* ha un aspetto super goloso! bravissima! :) buona serata!!!

    RispondiElimina
  17. E' bellissimo.Castagne e noci poi.....da provare!
    Brava!
    Monica

    RispondiElimina

Mi fa molto piacere sapere che sei passato da me, ancora di più sarei felice di sapere il nome e le opinioni di chi mi legge, di poter dare un consiglio o riceverne di nuovi!