domenica 27 ottobre 2013

Gnocchi di tofu con ragù bianco

Ultimamente non cucino spesso cose nuove e non vado più tanto alla ricerca di ricette, ci sono i periodi in cui le mie parole d'ordine sono collaudato pratico e sbrigativo, tanto crudo e frutta. Uno dei miei pasti preferiti in questo periodo è frappè di cachi in cui affondare pezzettini di banana e mela. Ma almeno la domenica qualcosina metto in piedi, come i gnocchi fatti in casa (anche per ricambiare la pazienza che il mio compagno dimostra nel corso della settimana lavorativa).
Ho scoperto di recente il blog Mamma Veg e mi è piaciuto a prima vista, sono incappata in questo bel blog proprio inseguendo la ricetta dei gnocchi tofu e orzo, l'uso del tofu frullato mi sembrava giusto la novità che stavo cercando (dopo il periodo gnocchetti all'acqua e poi il periodo gnocchi di farina di ceci mi serviva un'idea nuova). La farina d'orzo la compro per la prima volta in loro onore e non me ne pento!
Ormai ho provato il ragù diverse volte e il mio preferito rimane quello con i fiocchi di soia, soprattutto ora che ho trovato un trucchetto che lo rende spettacolarmente buono: non reidratare la soia. Grazie alla frequentazione di gruppi su facebook ho scoperto che molti per fare ragù o spezzatini non reidratano la soia in precedenza, ma la usano direttamente nel soffritto, sfumano la soia secca con il vino e poi aggiungono brodo e/o passata di pomodoro a seconda delle ricette. Si tratta davvero di un trucco prezioso, ho già provato a fare così sia lo spezzatino che il ragù e la soia non è mai stata così buona!



Ingredienti:
200 g. di tofu al naturale
100 g. di farina, orzo integrale
50 ml di acqua
6 cucchiaini di lievito alimentare in scaglie
sale
curcuma, 1 pizzico

per il ragù
2 carote
2 gambi di sedano
1 cipolla rossa
1 spicchio d'aglio
alloro, salvia
1/2 bicchiere di vino rosso
60 g. di soia disidratata in fiocchi
2 bicchieri di brodo vegetale
lievito alimentare, olio evo qb

Per il ragù tritare molto finemente le verdure, soffriggere in olio evo qualche minuto aggiungendo un paio di foglie di alloro e salvia tritata, appena le verdure stanno per abbrustolirsi aggiungere la soia secca e sfumare con il vino a fuoco vivo. Appena evaporato il vino, aggiungere il brodo, abbassare il fuoco, e far andare lentamente fino a completo assorbimento del brodo.
Per i gnocchi frullare il tofu con acqua, sale, un pizzico di curcuma per dare colore e il lievito alimentare fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungere la farina, impastare (si ottiene un composto morbido) su un piano infarinato formare i classici salsicciotti di impasto e tagliare. Intanto mettere l'acqua leggermente salata sul fuoco, appena bolle buttare i gnocchi e scolare appena vengono a galla.
Buttare insieme al ragù e saltare con l'aggiunta di uno o due cucchiai di lievito alimentare in scaglie.

14 commenti:

  1. Ciao, che bello, ti ringrazio per avermi citata nel tuo blog! Mi fa davvero piacere tu abbia provato questi gnocchi. Ti sono piaciuti?
    Comunque questa cosa della soia è per me una novità..chissà perchè non ci ho mai pensato! La prossima volta che la uso per fare il ragù provo questo metodo e vediamo come viene!

    Un abbraccio e grazie ancora! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimi! sicuramente da rifare, i gnocchi sono così semplici da fare e li faccio spesso! prova a fare il ragù tostando direttamente la soia secca nel soffritto e sfumando subito con il vino, viene troppo buono!!
      Grazie a te!

      Elimina
  2. Una ricetta molto interessante che mi piacerà sperimentare. come tante altre che leggo sul tuo blog, sempre così pieno di spunti ricchi di personalità e intelligenza.
    ti abbraccio :-)

    RispondiElimina
  3. non ho fatto gnocchi così però sono talmente incuriosita che ho deciso di seguire un corso di cucina naturale, così proverò di persona:-)

    RispondiElimina
  4. Devono essere buonissimi! Brava cara, 6 sempre fonte di preziose idee ^_^

    RispondiElimina
  5. Mi ispirano una cifra questi gnocchi dovrò assolutamente provarli!!! Per quanto riguarda il ragù io ho un grande limite: odio cucinare con il vino, mi dà un fastidio boia l'odore :((((
    Clònon ricordo se ti ho invitata ufficialmente al contest A TUTTA ZUCCA se non lo avessi fatto considerati arruolata :D

    RispondiElimina
  6. Ciao Claudia.
    ma questi gnocchi sono deliziosi.... Brava.
    Il ragù bianco è divino.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  7. il tofu l'ho scoperto da poco e a me piace, gnocchi sfiziosi direi!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Ciao Claudia! Devono essere buonissimi! Anche io uso la soia disidratata per fare il ragù veg, ma la dritta di usarla senza reidratarla prima, non la conoscevo! Proverò! In effetti idratandola, anche se poi la strizzavo bene rimaneva un po' 'acquosa'! Grazie per aver condiviso il barbatrucco!!!

    RispondiElimina
  9. Provo oggi. Ormai il ragù di soia è un must in casa, ma non l'ho mai fatto senza reidratarla. Grazie per il suggerimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero, bene! sono contenta del passaparola sul trucchetto del ragù di soia :)
      spero che i gnocchi ti piacciano!

      Elimina

Mi fa molto piacere sapere che sei passato da me, ancora di più sarei felice di sapere il nome e le opinioni di chi mi legge, di poter dare un consiglio o riceverne di nuovi!