Pagine

venerdì 13 aprile 2012

Farfalle risottate con aparagi e pomodoro

Che emozione, con questa ricetta ho provato due cotture nuove, una per la pasta e una per gli asparagi ... eh si, mi emoziono con poco io! Quella degli arparagi è una banalità: ho scoperto che vengono benissimo anche se si saltano subito in padella senza passare dalla lessatura in acqua bollente, basta tagliare i gambi a striscioline o rondelle e aggiungere le punte in un secondo tempo, dopo qualche minuto di cottura.
Ho scoperto l'acqua calda?! va bene, ve lo concedo, passo avanti ...
Quella della pasta risottata è una scoperta di maggior sostanza, che credo meriti qualche riga!
Il termine risottare dice tutto: cuocerla come un risotto, tostandola insieme al condimento e aggiungendo il brodo poco alla volta.
Temevo in qualcosa di scotto e immangiabile, per questo ho scelto la pasta integrale che tiene un pò di più la cottura, invece il risultato, con la dovuta attenzione, è perfetto. Rimane persino un pò più al dente rispetto alla bollitura ma allo stesso tempo perfettamente cotta ... no, non volevo contraddirmi!
In realtà sarebbe la via più semlice, la scorciatoia diciamo, è una cottura tipica dei pescatori in barca perchè più comoda ripetto alla bollitura, che in barca non dev'essere il massimo della vita.
Girando per il web ho visto che il metodo è adottato anche da tanti chef, ognuno con le sue tecniche: usare il coperchio o non usarlo, lessare per i primi minuti o non lessare ...



































































Ingredienti:
350g. di asparagi freschi - 1 grosso pomodoro ramato - 2 scalogni
40 g. di pancetta affumicata - 220 g. di farfalle integrali
1 bicchiere di brodo vegetale leggero e poco più se sreve
grana padano a piacere, sale e pepe qb
Per due persone

Mettiamoci all'opera:
Lavare gli asparagi, eliminare la parte terminale più chiara e legnosa del gambo, separare le punte dal gambo e metterle da parte. Tagliare i gambi a striscioline (per il senso della lunghezza, magari non vengono tutte intere intere).
Affettare sottilmente i due scalogni, rosolare con un filo d'olio qualche istante in una padella capiente, meglio un wok, aggiungere la pancetta e poco dopo i gambi di asparago. Aggiungere un pizzico di sale (non troppo per via del brodo che si aggiungerà dopo) e pepe. Coprire e far cuocere per 5 minuti.
A questo punto aggiungere il pomodoro tagliato a piccoli cubetti e le farfalle ancora secche, mescolare per far insaporire e unire il bicchiere di brodo. Cuocere per 10 minuti con il coperchio.
Scoprire, aggiungere le punte degli asparagi e continuare la cottura fino a completo assorbimento del brodo, circa 8 minuti. Se la pasta è troppo al dente, ma il brodo si asciuga troppo presto, aggiungerne qualche cucchiaio, poco alla volta, come per il risotto.

Con questa ricetta partecipo al contest, dedicato ai colori della primavera, di Lucy del blog  Ti i cucino cosi




ps: diamo a cesare quel che è di cesare!
L'idea di sperimentare questa cottura mi è venuta in mente sbirciando nel blog Sapori di Elisa, un blog in cui sono molto contenta di essemi imbattuta ... lo seguirò con elevate aspettative e consiglio una doverosa sbirciatina a tutti!
Poi mi va di consigliare quest'altra ricetta, la trovate da My taste for food, l'accostamento asparago e ciliegini è da provare! anche questo blog mi sembra una piccola perla del web!!

12 commenti:

  1. Bhe devo dire che anch'io dovevo ancora scoprire "l'acqua calda": gli asparagi mi piacciono tantissimo ma ci fosse stata una volta in cui li avessi cucinati bene!Che dire della pasta risottata, ne avevo sentito parlare, ma non mi ero fidata più di tanto, se lo dici tu...Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. la pasta risottata è davvero molto buona... claudia queste farfalle sono strepitose!!!

    RispondiElimina
  3. sai che come te ho deciso solo questánno di usare gli asparagi in diversi modi e cotture e sulla pasta risottata e'stata veramente una scoperta anche per me e poi trovo che e'perfetta proprio con le verdure.Mi piace molto questo primo e ti faccio un grosso in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  4. @Lucy: grazie per aver accettato la mia partecipazione!si, con le verdure è perfetta, la pasta assorbe in modo particolare tutti i sapori, soprattutto i liquidi delle verdure stesse; è proprio un risultato diverso dalla bollitura! consilgio!!!
    @Rosy: grazieee!!!!
    @Mrcook: la cottura degli asparagi così è molto più facile, dividendo gambi e punte, ecc, prova!
    Buon fine settimana a tutte! (io lo passo tutto al lavoro, niente ricette, sigh)

    RispondiElimina
  5. Ciao Claudia! E' stato un vero piacere scoprire casualmente il tuo blog! mi ha emozionato subito! Ho letto tutte le ultime ricette e volevo farti davvero i complimenti sia per le foto sia per la loro qualità, si avvicinano tantissimo ai miei gusti personali!
    Mi ha colpito molto la tua presentazione .... Io quella pagina ce l'ho in under construction da quasi un anno: ho un blocco emotivo per cui non riesco a parlare di me ..... E leggendo la tua mi ci sono rispecchiata totalmente; le tue parole hanno espresso chiaramente quello che rappresenta per me il mio blog! Grazie!
    a presto! Da oggi hai una nuova lettrice!
    Ciao
    Tania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questo commento così sentitio, mi fa davvero piacere! ma tanto!!!

      Elimina
  6. Ciao,2 nuovi metodi di cottura che ti hanno permesso
    una ricetta fantastica!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, sono bellissime le farfalle risottate!!! BRAVA!

    RispondiElimina
  8. Beh, questa cottura mi piace un sacco!
    Da provare!
    Complimenti per la ricetta!
    Passa a trovarmi se ti va!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Se metti la pasta cruda con il condimento in una pirofila, coperta con carta forno, dopo circa 15 minuti di forno a 180°, si ha un effetto risotto/timballo dal condimento armonico e diffuso.
    Provare i tempi di cottura con i vari tipi di pasta. Ry

    RispondiElimina

Mi fa molto piacere sapere che sei passato da me, ancora di più sarei felice di sapere il nome e le opinioni di chi mi legge, di poter dare un consiglio o riceverne di nuovi!